UE: nuovi criteri per il Vending negli appalti green della PA

Lo scorso 27 settembre la Commissione UE ha reso noti i nuovi criteri ambientali per gli appalti di fornitura dei servizi di ristorazione e di distribuzione automatica nella Pubblica Amministrazione.
Tali criteri, che non sono stati presentati sotto forma di regole rigide ma possono essere applicati in maniera volontaria nell’affidamento dei servizi di ristoro da parte della Pubblica Amministrazione, vanno ad implementare le regole già esistenti nei vari Paesi dell’UE.
L’Italia, con il DM del 25 luglio 2011, e le sue successive modifiche, si era già corredata di un disciplinare green per questo tipo di appalti, quindi da ora in poi, basterà aggiornare e rendere compatibile quanto già in essere, con i dettami europei.
Il “UE green public procurement criteria for food, catering services and vending machines” è composto da una serie di paragrafi nei quali vengono approfonditi dei temi specifici come ad esempio quello riguardante: i Prodotti Biologici, dove ne vengono specificate le caratteristiche; i Prodotti Etici, evidenziandone quali certificazioni li contraddistinguono; i Consumi energetici, che tracciano le caratteristiche delle schede tecniche; dei Grassi Vegetali, che raccomandano di evidenziare le colture di provenienza che devono risultare conformi ai criteri ambientali.