Farmaci, tempi di pagamento più brevi (ma il biomedicale arranca)

Forse si vede la “luce in fondo al tunnel” dei pagamenti dei farmaci da parte del Servizio Sanitario Nazionale.

Migliorano le performance di pagamento

Lo rende noto Farmindustria nelle ultime stime sul quarto trimestre 2018, che fissano in 58 giorni il tempo medio di pagamento nei confronti delle industrie farmaceutiche, a fronte di una media negli ultimi 4 trimestri di ben 70 giorni: un miglioramento non sa poco, se si considera che nel 2015 i tempi di attesa superavano i 5 mesi.

Un bel passo in avanti

Il passo in avanti c’è e si vede, dunque: poi ci sono i primi della classe, come il Veneto, che paga addirittura in 31 giorni. Poi vengono Umbria (34 giorni) e Campania (35). In linea con la media nazionale la Lombardia (54 giorni). Fanalino di coda si conferma la Calabria, con 219 giorni, però in miglioramento anche lei rispetto ai 227 della media generale.

Va peggio al biomedicale

Molto peggio va, secondo le stime Assobiomedica, per i biomedicali: in questo caso i tempi medi di attesa sono di ben 110 giorni, in pratica quasi 4 mesi, con oscillazioni notevolissime da caso a caso: si va dai 40 giorni dell’Asl 4 Chiavarese (Ge) ai ben 456 dell’Asp Crotone, oltre 10 volte tanto.

Link documento Farmindustria

Link dati Assobiomedica