Premio F.A.R.E.

Il Premio F.A.R.E. è sorto per valorizzare studi e ricerche che contribuiscano al miglioramento del SSN e per diffondere una “coscienza sanitaria”.

L’obiettivo è quello di creare una sanità intelligente che sappia guardare in se stessa con senso critico e con motivazioni al miglioramento.

 

Edizione 2008

Il premio F.A.R.E. 2008 è stato assegnato a:

Elvio Codega
Direttore Acquisti Azienda Ospedaliera di Lecco, per un lavoro sul tema “Dai vincoli del codice dei contratti alla gestione di un “prodotto” per procedure di gara, semplice, completo, comprensibile, didattico.”
Il collega ha praticamente elaborato un vero e proprio vademecum operativo, dettagliatamente esplicativo di ogni fase della procedura di gara, sia per gli operatori interni che per gli operatori economici interessati a partecipare alla gara stessa, con un valore apprezzabile anche sotto il profilo etico, perché favorisce la relazione con il mercato esterno, privilegiando i principi di trasparenza, di parità di trattamento, di non discriminazione, enunciati nel vigente Codice dei contratti pubblici.
In sostanza, il regolamento di gara “accompagna per mano” il concorrente e ne facilita la parteci-pazione alla gara, concretizzando così il concetto tante volte enunciato che l’impresa non è antagoni-sta bensì una risorsa del SSN, con il suo patrimonio di tecnologia e di esperienza.
Infatti, lo svolgimento della gara non è tabù, ma è preventivamente descritto, in modo da consentire al concorrente di conoscere esattamente i propri diritti e doveri; di fatto, un patto tra Pubblica Ammi-nistrazione e concorrenti.
In tal modo, è stata realizzata una concreta semplificazione della procedura di gara, tanto più meritevole a raffronto della complessità del codice dei contratti pubblici.

Documenti allegati:

 

Antonietta Ferrara
Responsabile coordinamento ufficio acquisti prodotti diagnostici ESTAV Centro – Toscana, per un lavoro sul tema “Impatto del codice degli appalti e delle norme collegate sulla gestione delle aziende sanitarie.
Con tale lavoro è stata fatta una disamina puntuale ed esaustiva delle principali criticità applicative del Codice dei contratti.
L’aspetto più pregevole del lavoro sta nel fatto di non aver limitato le riflessioni ad una semplice esposizione delle criticità, ma nell’aver ipotizzato soluzioni “brillanti” per il superamento delle difficoltà operative, testimonianza concreta della volontà di ogni provveditore-economo di guardare ben oltre l’applicazione formale della norma, per realizzare la mission che ci siamo deontologicamente assegnati: conoscere le norme e il mercato, per saper essere al servizio del cittadino.

Documenti allegati:

 

Edizione 2005

Il Premio è stato assegnato al Dott. Giuseppe Solazzi, Dirigente Responsabile del Servizio Provveditorato dell’Azienda Ospedaliera di Desenzano del Garda (BS) per la realizzazione di un capitolato innovativo per l’acquisto di fili di sutura. La giuria ha ritenuto particolarmente interessante ed innovativo il capitolato in questione ed ha anche apprezzato il fatto che il Dott. Solazzi, successivamente all’espletamento della gara, abbia ritenuto di dover condividere con i colleghi della FARE, con due pubblicazioni sulla rivista Teme (1/2004 e 2/2005), non solo motivazioni e modalità di preparazione della gara, ma anche i risultati della gara stessa e le relative esperienze a distanza di tempo.

 

Edizione 2002

Il Premio è assegnato alla rivista Teme, che oggi festeggia il suo quarantennale, per il costante impegno alla intelligente divulgazione di quelle regole di condotta che garantiscono un costante aggiornamento professionale dei Provveditori e degli Economi della Sanità Pubblica sia dal punto di vista giuridico che da quello più strettamente tecnico. Teme ha saputo utilizzare il campione altamente significativo dei dati a disposizione per evidenziare i problemi gestionali, che con maggior frequenza si presentano, accompagnandoli con puntuali e razionali soluzioni.

 

Edizione 2000

Il Premio viene assegnato alla rivista Kéiron per il suo valore culturale e per aver previsto l’etica – con la scienza e l’economia – come disciplina “funzionale” alla miglior comprensione dei problemi che si impongono nell’affrontare il tema del benessere.

 

Edizione 1997

Il Premio viene assegnato al Prof. Ernesto Veronesi per i suoi studi di Economia Sanitaria e per le sue attente osservazioni e valutazioni dei servizi di provveditorato e di economato della sanità pubblica.