Partiranno dal 1 gennaio 2020 le nuove soglie UE per gli appalti

Con i Regolamenti delegati UE 2019/1827, 2019/1828, 2019/1829, 2019/1830 del 30 ottobre 2019 che modificano rispettivamente la direttiva 2014/23/UE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda le soglie delle Concessioni; la direttiva 2014/24/UE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda le soglie degli appalti di forniture, servizi e lavori e dei concorsi di progettazione; la direttiva 2014/25/UE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda le soglie di appalti di forniture, servizi e lavori e i concorsi di progettazione e la direttiva 2009/81CE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda le soglie degli appalti di forniture, servizi e lavori, dal 1 gennaio 2020 verranno modificate le soglie UE per gli appalti che risulteranno più basse: 5,35 milioni per i lavori, 214mila euro per i servizi.

In particolare le nuove soglie sono state così fissate:

Settori ordinari

  • euro 5.350.000 per gli appalti pubblici di lavori e per le concessioni;
  • euro 139.000 per gli appalti pubblici di forniture, di servizi e per i concorsi pubblici di progettazione aggiudicati dalle amministrazioni aggiudicatrici che sono autorità governative centrali.
  • euro 214.000 per gli appalti pubblici di forniture, di servizi e per i concorsi pubblici di progettazione aggiudicati da amministrazioni aggiudicatrici sub-centrali;
  • euro 750.000 (resta inalterato l’odierno importo di 750.000 euro) per gli appalti di servizi sociali e di altri servizi specifici

Settori speciali:

  • euro 5.350.000 per gli appalti di lavori;
  • euro 428. 000 per gli appalti di forniture, di servizi e per i concorsi pubblici di progettazione;
  • euro 1.000.000 (resta inalterato l’odierno importo di 1.000.000 euro) per i contratti di servizi, per i servizi sociali e altri servizi specifici.