Trasferimenti di valore nel pharma, il report Gimbe

Pubblicato dalla Fondazione GIMBE il primo report nazionale sui trasferimenti di valore dell’industria farmaceutica a professionisti e organizzazioni sanitarie. 14 aziende che superano il 50% del fatturato totale di settore trasferiscono € 288 milioni a operatori (16%), a organizzazioni sanitarie (43%) e alla ricerca e sviluppo (41%).

Da quando Farmindustria nel 2016 ha recepito nel proprio codice deontologico il codice EFPIA (European Federation of Pharmaceutical Industries and Association), entro il 30 giugno le aziende farmaceutiche associate pubblicano i trasferimenti di valore effettuati nell’anno precedente.

La rendicontazione

In particolare, tramite un modulo standardizzato vengono rendicontati gli importi trasferiti a operatori e organizzazioni sanitarie relativi a erogazioni liberali e donazioni, eventi formativi, servizi e consulenze, oltre a quelli destinati alla ricerca e sviluppo. Purtroppo, nonostante questa fondamentale azione di trasparenza nelle relazioni tra industria del farmaco e professionisti sanitari, l’assenza di un report annuale e di un database unico ha generato solo “estrazioni selettive” dei dati volte ad alimentare ipotesi complottiste.

Aumentare la consapevolezza

Al fine di aumentare la consapevolezza pubblica sui trasferimenti di valore e favorire la collaborazione tra industria, professionisti sanitari, organizzazioni sanitarie e pazienti, l’Osservatorio GIMBE ha realizzato il primo report nazionale per fornire un quadro oggettivo dei dati resi disponibili e identificare le aree per migliorare la trasparenza.

Le analisi e i principali risultati

Le analisi sono state effettuate sui trasferimenti di valore di 14 aziende farmaceutiche che, insieme, rappresentano il 51,5% del fatturato totale di settore nel 2017. L’importo totale dei trasferimenti delle 14 aziende è di € 288 milioni: sulla base di questi dati, si stima un trasferimento totale di tutte le aziende associate a Farmindustria di circa € 550-580 milioni. Per le 14 aziende incluse nell’analisi € 45,9 milioni (15,9%) sono stati destinati ad operatori sanitari, € 124,8 milioni (43,3%) ad organizzazioni sanitarie e € 117,3 milioni (40,7%) alla ricerca e sviluppo con notevoli differenze tra le diverse aziende.

Problemi strutturali

Il report rileva alcuni “problemi strutturali” che condizionano negativamente il livello di trasparenza dei dati pubblicati dalle singole aziende: inadeguatezza dei formati dei file per l’importazione e l’analisi, frequente mancanza di dati facoltativi, impossibilità di identificare i trasferimenti indiretti in favore degli operatori sanitari. Inoltre le aziende non sempre interpretano in maniera univoca alcuni punti del codice deontologico di Farmindustria, influenzando l’uniformità nel reporting dei dati.

 

Scarica il report